Evento

Istituto Polacco di Roma > Letteratura > I RACCONTI DEL FANTASTICO DI STEFAN GRABINSKI

I RACCONTI DEL FANTASTICO DI STEFAN GRABINSKI

19 aprile 2016 - 19:00
19 aprile 2016 - 20:00

Kowalski - Genova

Ospiti:
Mariagrazia Pelaia, Stefano Rissetto, Laura Quercioli.

I RACCONTI DEL FANTASTICO DI STEFAN GRABINSKI

Print Friendly

Conversazione intorno al libro Il demone del moto di Stefan Grabiński. Con la parteciapazione di Mariagrazia Pelaia, Stefano Rissetto e Laura Quercioli.

Treni e demoni
I racconti del fantastico di Stefan Grabiński
Quando la fantasia devia dal solito binario…

Conversazione intorno al libro Il demone del moto di Stefan Grabiński,
a cura di Mariagrazia Pelaia, Stampa Alternativa 2015.

Ne parlano:
La Curatrice
Stefano Rissetto, Giornalista, scrittore e “trenista”
Laura Quercioli, Professore di letteratura polacca

Kristi Lala e Silvia Stocchi leggeranno il racconto di Grabiński Il binario morto

Organizzazione: Karolina Kowalcze

Consumazione a prezzo speciale per i partecipanti (a richiesta anche opzioni vegetariane e vegane)

Sette racconti, di cui cinque tratti dalla raccolta Il demone del moto pubblicata nel 1919. E altri due in cui le ferrovie sono ancora protagoniste o presenti sullo sfondo: Un caso (dalla raccolta Passione, 1930) e L’amante di Szamota (dalla raccolta L’incredibile storia, 1922).
Il mondo ferroviario si trasfigura nei racconti di Stefan Grabiński (1887-1936), orrore e stranezza scaturiscono da un’osservazione attenta del quotidiano, i treni acquistano vita propria e danno origine a fenomeni perturbanti… Potremmo parlare di racconti fantaferroviari. L’elemento nero e gotico alla Poe, a cui lo scrittore è stato accostato da alcuni critici in patria, si arricchisce di un nuovo immaginario legato alle scoperte della fisica einsteiniana e quantistica e delle coeve ricerche psicoanalitiche di Freud e Jung. Il protagonista sembra essere l’élan vital bergsoniano reinterpretato con metafore rigorosamente ferroviarie... Si potrebbe dire che Grabiński è stato ignorato in quanto precursore, mentre più passa il tempo più si evidenzia la sua modernità. L’assassino e il mostro non hanno più connotati umani: sono misteriose entità evocate da macchine dotate di vita propria e in strana connessione con l’antico e dimenticato mondo della magia organicista… un mondo che sembra riemergere in lontane stazioni di confine, in gallerie montane e nei binari morti.

Evento organizzato da:
La Cattedra di Polacco dell’Università di Genova
Con la collaborazione dell'Istituto Polacco di Roma

Per informazioni:
Kowalski-Ristorante e Pub dall'Est Europa
via dei Giustiniani 3 - Genova
tel. 3450424398

Copertina del libro "Il demone del moto"

 
 
 

Ultimi Tweet